Che cos’è l’elettroerosione e come funziona

Makinate | EDM 1

Sono sempre più le richieste che ci giungono attraverso il nostro catalogo di macchine utensili usate per l’acquisto di macchine per elettroerosione a filo e macchine per elettroerosione a tuffo.

Ma cos’è e come funziona una macchina per elettroerosione? Che differenze ci sono tra una macchina che lavora a filo ed una che lavora a tuffo? Oggi cercheremo di sciogliere dubbi e fornirvi le giuste risposte.

Elettroerosione

L’elettroerosione nota anche come EDM (electric discharge machining), rappresenta un’importante tecnologia ampiamente utilizzata nell’industria meccanica. Con questa tecnica si asporta il materiale impiegando la capacità erosiva delle scariche elettriche.

Cenni generali sul funzionamento dell’elettroerosione

Elenchiamo innanzitutto quelle che sono le principali caratteristiche del metodo di elettroerosione:

  • Pezzo da lavorare immerso in un fluido dielettrico
  • Elettrodo alimentato con polarità positiva
  • Pezzo alimentato con polarità negativa
  • L’elettrodo e il pezzo non sono mai a contatto (distanza:circa 25 µm)
  • Residui della lavorazione: gas e sfere metalliche (tipo polvere metallica)
Makinate | EDM
EDM

1. Generatore di scariche 2. Pezzo(+) 3. Portapezzo 4. Fluido dielettrico 5. Pompa 6. Filtro 7. Portautensile(-) 8. Scarica 9. Utensile

Le fasi dell’elettoerosione

  1. Il raggiungimento di una data tensione e conseguente liberazione di elettroni dal catodo
  2. urto degli elettroni con atomi e molecole del fluido e creazione di ioni positivi e negativi (effetto a catena)
  3. il fluido viene completamente ionizzato e si trasforma in un conduttore lasciando passare la corrente
  4. il fluido si trova allo stato di plasma che determina la fusione e la vaporizzazione di alcune zone (sia del pezzo che dell’utensile)
  5. dopo la scarica la tensione scende fino ad annullarsi (condensatori scarichi)
  6. i condensatori ricominciano ad accumulare energia fino a quando non si raggiunge una tensione tale da innescare nuovamente il processo

ELETTROEROSIONE A TUFFO

La lavorazione per elettroerosione a tuffo in inglese “sinking” si pone come obiettivo quello di lavorare il pezzo facendogli assumere una forma complementare a quella dell’elettrodo.

Questa procedura implica la realizzazione di un elettrodo di forma negativa (solitamente un maschio) rispetto alla forma desiderata che si vuole ottenere nella lavorazione.

ELETTROEROSIONE A FILO

In inglese wire, mediante questa lavorazione un filo conduttore teso è usato come elettrodo per tagliare e profilare il pezzo da lavorare.

FORATURA PER ELETTROEROSIONE

Quest’ultima applicazione consente di realizzare su qualsiasi tipo di metallo fori con diametri da 0.3 a 6 mm su altezze di oltre 300 mm

Il Processo Elettroerosivo

Questo metodo utilizza l’effetto di erosione del metallo che si ottiene grazie ad innumerevoli scariche elettriche generate tra l’elettrodo pezzo da lavorare e l’elettrodo utensile.

Le scariche partono una dopo l’altra, formando piccoli fori sulla superficie del pezzo in lavorazione. Le scariche protraendosi per lungo tempo formano una sequenza regolare di fori. In tale situazione verrà asportato del materiale dalla superficie del pezzo.

In produzione tra i due elettrodi (utensile e pezzo da lavorare) vi è una piccolissima intercapedine ricolma di uno speciale liquido dielettrico, il cui livello è mantenuto costante mediante un sistema automatico di regolazione.

ELETTROEROSIONE VS METODI TRADIZIONALI DI ASPORTAZIONE

Il metodo di asportazione per elettroerosione rispetto ai metodi di asportazione consueti (tornitura,fresatura) presenta diversi vantaggi qui di seguito ne riportiamo alcuni:

  • nessuno sforzo meccanico è esercitato sul pezzo: eliminazione di complessi sistemi di bloccaggio
  • nessun vincolo legato all’usura disuguale delle frese garantendo una buona precisione delle quote indipendentemente dal numero di pezzi da eseguire
  • si può’ lavorare qualsiasi materiale metallico (nessun vincolo rispetto alla sua durezza)
  • possiamo creare qualsiasi figura geometrica o volumetrica
  • ottime tolleranze di lavorazione ( ±µm)
  • elevata autonomia delle macchine senza intervento dell’operatore

Tra gli svantaggi rispetto ai metodi tradizionali di asportazione tramite l’utilizzo di macchine utensili a cnc come torni e frese troviamo:

  • Produttività inferiore
  • elevata usura relativa dell’utensile(5/10% del materiale asportato)
  • le superfici prodotte presentano sempre un certo grado di rugosità.

Se interessati ad una macchina per elettroerosione a filo usata oppure ad una macchina per elettroerosione a tuffo usata non esitate a consultare il nostro catalogo online di macchine utensili usate disponibili.

Se invece volete vendere la vostra macchina per elettroerosione non esitate a contattarci oppure pubblicate direttamente il vostro annuncio sul nostro catalogo.

Aggiungi gratis il tuo macchinario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.